Pubblicato il

Un mese di TE

30 giorni della tua preziosa vita, esattamente un mese fa nascevi tu.

  

Questi siamo noi il giorno prima del parto. Io visibilmente stanca per l’incessante caldo di quel periodo e per le prime contrazioni che iniziavano a farsi sentire. 

  

Dopo una notte insonne a monitorare i dolori, la mattina alle sei decido di farmi accompagnare da mio marito al pronto soccorso, sicura e speranzosa che mi avrebbero ricoverata. Come terzipara la decisione del medico di turno non poteva ovviamente essere diversa. Pochissima dilatazione ma: “Signora con i terzi figli il travaglio ci mette un po’ a partire ma quando inizia, il parto sarà precipitoso, perciò meglio trattenerla…”

  

203 la stanza che per le prossime ore sarà la nostra dimora. Prendo possesso del letto ‘A’ che vedrà le mie lacrime, di dolore e di gioia. 

Ma tu continui ad essere lì calmo, al sicuro nel mio pancione. Sembri aver capito che dovrai lasciare quel posto che ti ha cullato e protetto per 9 mesi. Sembri non volerlo abbandonare, tanto che l’attività contrattile smette di progredire.

Ed io ansiosa invece di vederti ed averti tra le mie braccia, inizio a fare su e giù per le scale, sperando di convincerti che fuori ci sono io ad accoglierti, che in modo diverso ma pur sempre amorevole continuerò a difenderti ed amarti e che, sempre insieme, potremo andare lontano. Convincerti che ad attenderti ci sono le grandi braccia di tuo Papà che freme dalla voglia di ammirarti in tutto il tuo splendore. Ci saranno poi i tuoi fratellini che non stanno più nella pelle di vedere se gli somigli e sono soprattutto impazienti di ricevere i regalini che per loro porterai dal mondo dei bimbi.

  

Con il preziosissimo supporto psicologico io e il tuo Papà iniziamo a monitorare le contrazioni che ora iniziano quasi ad essere regolari ed aumentare di intensità. Magicamente con lui al mio fianco il travaglio inizia a crescere, evidentemente riesci a percepire la serenità che mi trasmette e quel senso di protezione che mi fanno pensare che ora sono pronta per il grande momento.

Attimi indimenticabili quelli del parto, istanti lunghi che ti fanno pensare che quel dolore lancinante da toglierti le forze e il respiro non ti abbandoni mai. 

Quel dolore condiviso con una vita che sta per nascere, e con una persona unica, speciale, che quel dolore non lo prova fisicamente ma lo percepisce empaticamente.

Una sofferenza che in poche ore si trasforma in gioia, amore e bellezza infinita. 

Insieme a lui, mia dolce metà, ho condiviso quei battiti di cuore intenso, quei sospiri di vita che ci hanno reso genitori ancora una volta. 

  

Alle 20:15 sei nato tu Ettore, un bimbo bellissimo, dolcissimo e dalle manine grandi. Sono la prima cosa che ho notato appena ti hanno poggiato su di me, oltre all’odore puro e buono della tua pelle. Semplicemente l’odore dell’amore, un odore che non dimenticherò mai.

Pubblicato il

Festa di tutte le Mamme

Quale giorno migliore per condividere con voi una gioia immensa a cui tengo moltissimo.
Tra qualche mese sarò Mamma di nuovo.
L’amore per un figlio, come per incanto, ti fa comprendere il complicato ruolo di un genitore, dei tuoi stessi genitori.
Finalmente hai la risposta a tutte le loro ansie e preoccupazioni.
Trovi il senso a quei rimproveri tanto sofferti, e quei NO che in fondo ci hanno resi adulti.
Si gioisce nel ricordare la loro felicità per un nostro traguardo raggiunto e ci si commuove ancora ricordando quelle carezze e baci di cui io ancora ne sento il dolce profumo.
Probabilmente è solo indossando quella veste di madre e padre che si può apprezzare intimamente chi ci ha dato la vita.
Oggi è la festa di tutte le Mamme, della mia che ringrazio per la tenacia, dolcezza e amore con cui aiuta e supporta me e mia sorella nel nostro essere genitrici e ancora figlie. Auguri a tutte voi che avete già qualche piccola manina da tenere stretta stretta al vostro cuore.
Auguri a tutte quelle mamme che lo saranno e a quelle che avrebbero tanto voluto esserlo e che forse a modo loro hanno trovato la giusta strada per esserlo.
Auguri alle mamme con i capelli bianchi e a quelle che ci proteggono da un’altra dimensione.
Dedico ad ognuna di voi questa magnifica giornata.

Pubblicato il

Propositi per il nuovo anno.

Eccomi di nuovo tra voi, dopo una lunga pausa.
Sono sicura abbiate compreso questo mio silenzio, ma ho avuto bisogno di qualche giorno in più di ‘riposo’ per riprendere energicamente la gestione della quotidianità. Che poi riposare con due bimbi piccoli è una vera utopia.
Ma avevo bisogno di dedicarmi proprio a loro, a mio marito e ad un nuovo componente della famiglia.
Un dolcissimo pelosetto a 4 zampe di nome Nano.

IMG_6071.PNGMa andiamo per ordine, pian piano vi racconterò i vari aggiornamenti sulla mia vita. Avevo sicuramente bisogno di riprendermi da un trasloco, il quarto in 5 anni, due dei quali fatti con il pancione.
Un trasloco fatto velocemente tra rientro a lavoro e inserimento dei bimbi all’asilo.
Il desiderio di dedicarmi a questa nuova casa, togliere gli ultimi scatoloni proprio per evitare che diventassero magicamente parte integrante del nuovo arredamento.

IMG_6290.PNGInsomma gli ultimi sei mesi sono stati una vera fatica e, seppure io ami le sfide e non mi faccia di certo spaventare dalla mole di cose da fare, arriva pur sempre un momento di stallo, una fase in cui la stanchezza ti presenta il conto.
E di colpo non puoi far altro che rallentare e allentare un pochino la presa, per ritrovare gli stimoli giusti per ricominciare.
Perciò eccomi di nuovo in pista con i miei buoni propositi.
Sono pochissimi ma essenziali e giusti per me stessa.
Intanto riprendo mostrandovi alcuni dei regali che ho realizzato per voi.

IMG_6267-0.JPG

IMG_6271-0.JPG

IMG_6298-1.JPG

IMG_6270-0.JPG

IMG_6269-0.JPG

IMG_6266-0.JPG

IMG_6268-0.JPG

IMG_6275-0.JPG

IMG_6265-0.JPGSiete state tantissime a desiderare qualcosa fatto da me da mettere sotto l’albero di Natale.
E tante altre a volerlo rendere ancora più speciale con le mie decorazioni personalizzate.

IMG_5667.JPG

IMG_5666.JPG

IMG_5663.JPG

IMG_5668.JPG

IMG_5760.JPG

IMG_5697.JPG

IMG_6296.PNGVi ringrazio di cuore per aver creduto in me, per aver compreso i tempi a volte un po’ lunghi.
Ma si sa che l’handmade è bello proprio perché ogni oggetto fatto a mano richiede tempo e dedizione.
Ora rimettiamoci all’opera e facciamo dei nostri buoni propositi un buon inizio per rendere unico e speciale questo 2015.

IMG_6300-0.JPG